header_sx
upload

CINA: JD.com debutta una piattaforma dedicata ai luxury brand, Toplife

L'agguerrita battaglia online per aggiudicarsi i consumatori di lusso cinesi non accenna a placarsi. Dopo Alibaba che ha lanciato la sua piattaforma specializzata luxury, e la quotazione di Secoo, principale luxury retailer online in Cina, JD.com ha aperto il suo channel dedicato e mirato agli shopper cinesi abbienti, chiamato Toplife. La piattaforma propone articoli di lusso di tutti i tipi – dalla moda e accessori a salute e benessere, arredo per la casa ed elettrodomestici – e, affrontando i timori che i label di fascia alta hanno sull'emulazione della natura esclusiva della experience offline, promette maggiore controllo per i brand. Nomi come La Perla, Emporio Armani, Rimowa, B&O Play e Trussardi hanno già siglato l'accordo con JD.com e l'etailer cinese ha aggiunto che “alcuni di questi label così debutteranno il loro primo store online in Cina.”

Richard Liu, presidente e chief executive officer di JD.com, ha dichiarato: “Lavorando con Toplife, i luxury brands mondiali possono ora fornire in modo diretto ai clienti di tutta la vita una shopping experience davvero di lusso in precedenza solo associata a store offline di fascia alta. Toplife mira a ricreare la luxury shopping experience offline in una experience ecommerce premium.” A tale scopo, JD.com ha deciso di consentire ai brand di controllare ogni aspetto del loro aspetto, permettendo l'accesso 24 ore su 24 al customer service e formando i consulenti per fornire consulenza sui luxury brand. I prodotti venduti attraverso Toplife saranno inoltre conservati in un magazzino speciale dotato di spazi sigillati privi di polvere, controlli rigorosi di temperatura e umidità e robotica. Attualmente solo l'8% degli acquisti di lusso in Cina avvengono online, secondo un report recente emesso da Bain & Co., ma questa percentuale è prevista in aumento nei prossimi anni, per via dell'incremento di spesa da parte dei Millennials, dell'ascesa della classe media e di una nuova ondata di donne lavoratrici. “Ci metteranno un po' di tempo, ma stiamo vedendo più brand avvicinarsi a piattaforme come Net-a-porter e Mytheresa. I proprietari dei brand devono sentirsi a loro agio con il posizionamento della piattaforma e la presentazione dei prodotti, proprio come sceglierebbero un wholesaler nel settore offline,” ha dichiarato l'analista Mariana Kou. “Le piattaforme cinesi hanno un'immagine promozionale per cui dovrebbero essere più strategiche con il loro posizionamento e branding per aggiudicarsi il cuore dei proprietari dei luxury brand mondiali.”  

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog

No comments.



Nickname:
Title:
Add a comment
Add comment