Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

Stories Brands News Join ispira.com
News

MONDO: il retail e le esigenze dei clienti sono in continua evoluzione e le compagnie devono stare al passo

“Less is more” è un tema comune per i retailer 'fisici', secondo Mark Bunney, direttore della strategia go-to-market presso Ingenico. Parlando a WWD in merito a come i retailer possono sfruttare al meglio l'omnichannel in linea con le esigenze in continua evoluzione dei consumatori, Bunney vede tre aree principali di controversia. In primo luogo, i retailer devono “capire i loro clienti”. Se desiderano creare un'esperienza piacevole nei loro reparti e alla cassa, devono sapere esattamente chi sono i loro clienti e di cosa hanno bisogno. Nel caso di Ingenico, che fornisce assistenza a clienti retail come Carrefour, la catena di supermercati multinazionale francese, il vantaggio si trova in una soluzione di accettazione di pagamento omnichannel.

Mentre in termini di coinvolgimento del cliente, quest'ultimo può vedere il valore nei servizi interattivi nel punto vendita. Carrefour è stato il “primo retailer ad implementare una soluzione di pagamento Nexo su vasta scala, in tutta Europa”, ha dichiarato Jacques Behr, vicepresidente esecutivo di Europa e Africa presso il gruppo Ingenico, e lo ha fatto per attivare una rete di pagamento più ampia e più unificata. Una tendenza crescente nell'ambiente del retail store è anche “ripensare lo spazio retail che hanno già.” Forse introdotto dall'impennata del retail esperienziale, in cui il coinvolgimento del consumatore è raggiunto attraverso attivazioni pop-up, ripensare il retail probabilmente coinvolge “il commercio immersivo.” Unire il retail tradizionale con elementi digitali, crea percorsi omnichannel che davvero coinvolgono il cliente nel modo migliore possibile. Si potrebbero coinvolgere schermi digitali o pagamenti contactless e, senza dubbio, questo porterà a transazioni mobili più amichevoli che “funzionano ovunque”. Se ottenere il massimo da un addetto alle vendite in store aiutandolo con uno schermo mobile per il checkout è la risposta o lo è eliminare completamente l'addetto alle vendite, dipenderà dal retailer. In merito alle prospettive del retail oltre il mobile, Bunney ha fatto riferimento a “proof-of-concept” di Ingenico, in cui la biometria e il riconoscimento facciale rappresentano le successive iterazioni al terminale di pagamento. La biometria, per la cui adozione gli Stati Uniti sono in ritardo ma che è stata adottata in altre regioni del mondo, accoglie le preoccupazioni sulla privacy così come il riconoscimento facciale. Ma con una maggiore sicurezza arriva la perdita della privacy dei consumatori. In definitiva, la più grande sfida dei retailer è rispondere alle sempre mutevoli esigenze del consumatore, mantenendo il “giusto equilibrio” tra le esigenze di customer experience di oggi e le preoccupazioni sulla privacy di domani al terminale di pagamento.

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog
No comments.


Nickname: Title: Add a comment Add comment