Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

Stories Brands News Join ispira.com
News

REGNO UNITO: ricerca rivela come i supermercati possono controllare la velocità di camminata dei clienti che va ad impattare sulle vendite

Uno studio condotto da Rotterdam School of Management, Erasmus University ha riscontrato che i supermercati possono controllare la velocità con cui camminiamo quando facciamo la spesa cambiando il modello o i segni sul pavimento. Lo studio dimostra che i retail manager possono persuadere i clienti a camminare al passo ideale, non troppo lento o troppo veloce, mentre fanno la spesa semplicemente modificando le linee e il modello. “Gestire e guidare il flusso dei clienti può essere una sfida per i retailer. Quando le persone vanno in fretta nel negozio, si perdono prodotti interessanti e comprano di meno. Trascorrere troppo tempo di fronte agli scaffali può portare a congestionare eccessivamente alcune aree e quindi, comunque, avere meno vendite,” ha dichiarato Bram Van den Bergh, che ha condotto la ricerca.

“Si sapeva già che la velocità di camminata gioca un ruolo importante nelle decisioni di acquisto degli shopper. Ma finora non era chiaro ciò che i retail manager possono fare per influenzare il passo dei clienti.” La ricerca ha rivelato che linee orizzontali ravvicinate rallentano il passo con cui gli shopper camminano lungo il corridoio, spingendoli per tanto a guardare e scoprire i prodotti. Se si amplia la distanza tra le linee, gli shopper camminano più velocemente. Le linee vicine trasmettono inconsciamente al cliente che la fine del corridoio è lontana per cui senza rendersene conto, rallenta. Viceversa le linee più distanziate danno una sensazione che la fine del corridoio sia vicina per cui si accelera il passo. I ricercatori hanno osservato 4,000 persone in una serie di esperimenti condotti sia in-store che in un laboratorio.  

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog
No comments.


Nickname: Title: Add a comment Add comment