header_sx
upload

USA: i retailer alimentari devono lavorare su una strategia omnichannel per restare al passo con i tempi

I grocers che offrono risorse digitali sui loro siti di ecommerce saranno quelli che attireranno, convertiranno e manterranno clienti online. Questo secondo il report emesso da PowerReviews dal titolo “Oltre gli scaffali dei supermercati: come i consumatori navigano la Grocery Shopping Experience Online e In-store”. Con solo il 17% degli shopper che attualmente acquista la sua spesa online, è chiaro che i consumatori non stanno abbandonando i negozi fisici. Infatti, tra questi shopper, il 92% ha anche effettuato una spesa in uno store fisico negli ultimi 90 giorni. Tuttavia, le persone residenti in una città hanno più disponibilità di online grocery retailers, fattore che li rende più propensi a comprare online. Circa un quarto, il 23%, dei consumatori che vivono in una città con una popolazione di 500,000 o più abitanti, ha fatto un acquisto di spesa alimentare online negli ultimi 90 giorni, questo rispetto al 10% dei consumatori che invece abitano in centri con popolazione inferiore a 500,000 abitanti.

Le persone stanno anche usando i siti di ecommerce come una risorsa. Per esempio i rating e le recensioni sono diventati una parte fondamentale del percorso di acquisto, indipendentemente dal prodotto che un consumatore sta acquistando. La spesa online non fa eccezione. La ricerca ha rivelato che se le recensioni sono disponibili su un sito web di un negozio, il 93% degli shopper le leggerà almeno occasionalmente. Chiaramente fare la spesa è una experience sensoriale – che dà ai clienti in-store l'opportunità di toccare, annusare e perfino assaggiare i prodotti per verificarne la qualità e la freschezza. Pertanto, quando si tratta di acquistare articoli online, i prodotti stabili e conosciuti sono i più popolari, 58%, rispetto al 49% degli shopper che compra articoli per la cura personale come sapone e shampoo, e il 45% che acquista prodotti per la pulizia della casa. In modo simile agli shopper online, i clienti in-store desiderano l'accesso ai contenuti generati dagli utenti che sono stati li dove loro acquistano. Ecco perchè la maggioranza degli shopper in-store sono almeno in parte interessati ad avere accesso a rating e recensioni mentre fanno la spesa. È importante che i retailer comprendano la dinamica che sta cambiando dell'atteggiamento dello shopper e regolino il loro approccio per andare incontro alle aspettative in continua evoluzione. In seguito all'acquisizione di Whole Foods da parte di Amazon, i grocery retailer devono accelerare le loro strategia omnichannel, in particolare il ruolo di contenuti generati dagli utenti su tutti i channel. I retailer che lo fanno e lo faranno potranno attrarre e conservare più clienti. “I retailer tradizionale hanno lottato con gli effetti dell'ecommerce per numerosi anni. L'effetto Amazon continua a mettere pressione su entrate, operazioni e aspettative dei clienti,” ha dichiarato Matt Moog, CEO, PowerReviews. “Stiamo iniziando a vedere uno scenario simile nel mercato alimentare. Anche se la maggioranza degli shopper opta per i negozi fisici, i retailer alimentari hanno un'ottima opportunità di generare un nuovo trend e costruire una strategia omnichannel che coinvolga gli shopper ovunque facciano la spesa.”

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog

No comments.



Nickname:
Title:
Add a comment
Add comment