header_sx
upload

USA: i robot andranno ad occupare il 38% dei posti di lavoro statunitensi nell'arco dei prossimi 15 anni

Più di un terzo dei posti di lavoro statunitensi potrebbero essere 'ad alto rischio' automazione entro il 2030, una percentuale più alta rispetto a Regno Unito, Germania e Giappone, secondo un recente report. Gli analisti dell'agenzia di consulenza PwC, hanno affermato che le loro stime sono basate sulle capacità della robotica e dell'intelligenza artificiale, e che il ritmo e la direzione del progresso tecnologico sono 'incerti'. Hanno aggiunto che negli States, il 38% dei posti di lavoro potrebbe in effetti essere a rischio di diventae automatizzato, rispetto al 30% del Regno Unito, al 35% della Germania e al 21% del Giappone. La ragione principale non è che gli Stati Uniti hanno più posti di lavoro in settori che sono universalmente maturi per l'automazione, afferma il report.

Piuttosto, il motivo è che più posti di lavoro statunitensi in alcuni settori sono più vulnerabili rispetto ai posti di lavoro britannici negli stessi settori. Per esempio, il settore finanziario assicurativo ha molta più possibilità di automazione negli Stati Uniti che non nel Regno Unito. Questo perchè i lavoratori americani di questo settore sono meno 'istruiti' di quelli britannici. Mentre gli impiegati nella finanza a Londra lavorano in mercati internazionali, la loro controparte statunitense si focalizza di più sul mercato retail domestico, e pertanto “i lavoratori non hanno bisogno di avere lo stesso livello di istruzione.' I posti di lavoro che richiedono mono istruzione sono i più a rischio automazione, secondo il report. Tra le industrie che potrebbero essere a rischio vi sono gli ospedali, il trasporto, i servizi di ristorazione, trasposto e stoccaggio. Gli analisti sostengono che la guida dei camion probabilmente sarà il primo tipo di guida negli Stats a diventare completamente automatizzata, poiché i lunghi viaggi si appoggiano inevitabilmente sulle autostrate, le strade più semplici da percorrere senza intervento umano. Tuttavia i robot non andranno a sostituire necessariamente così tanti lavoratori umani. Il report evidenzia numerosi ostacoli economici, giuridici e regolamentari che potrebbero prevenire l'automazione, anche in posti di lavoro dove sarebbe tecnologicamente fattibile. Innanzitutto il costo dei robot - compreso mantenimento e riparazioni – potrebbero essere troppo alto rispetto ai lavoratori umani. E in caso di veicoli auto comandati, la questione rimane su chi è il responsabile in caso di incidenti. In altre parole, muovere i robot al di fuori di un ambiente controllato e ancora una problematica, come ha dichiarato John Hawksworth, chief economist presso PwC nel Regno Unito. Il segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha affermato di non essere preoccupato del fatto che l'intelligenza artificiale possa portare via posti di lavoro agli americani. “Credo siamo così lontani da tutto cià che non lo vedo nemmeno nel radar. Ritengo ci vorranno realisticamente ancora 50 o 100 anni almeno.” E ha aggiunto che l'automazione permetterà ai lavoratori umano di svolgere lavori più produttivi con stipendi più alti. “Andrà a prendere occupazioni molto meccaniche pagate solitamente poco. Dobbiamo assicurarci che stiamo investendo per contro nell'educazione e nell'istruzione per i lavoratori americani.”

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog

No comments.



Nickname:
Title:
Add a comment
Add comment