Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

Stories Brands News Join ispira.com
News

USA: lo shopping 'vocale' crescerà molto fino a raggiungere i $40 miliardi entro il 2020

Il commercio voice-based si preannuncia come la principale forza dirompente nel mondo retail - e Amazon è pronta ad afferrare la maggior parte di questo business. Si prevede che lo shopping vocale passi a $40 miliardi nel 2022, dai $2 miliardi di oggi, secondo i dati di OC&C Strategy Consultants. Il segmento voce' sarà guidato da un'impennata del numero di abitazioni che utilizzano smart speakers. E Amazon è posizionata per dominare il nuovo canale con la più grande quota di mercato - attualmente più del doppio rispetto al suo concorrente più vicino. Ad esempio, il device di Amazon, Echo, ha il 10% di penetrazione delle abitazioni negli States, seguito da Home di Google con il 4%, e da Cortana di Microsoft con il 2%. Apple è un po' indietro per il momento, dato che il suo dispositivo HomePod ha appena raggiunto il mercato e Siri al momento non ha le funzionalità IA di Google.

Amazon ha anche una ferma presa sulle decisioni di acquisto dei consumatori, con l'85% dei consumatori che seleziona i prodotti che Amazon suggerisce. Detto questo, lo status 'Amazon Choice' - un'etichetta applicata ai prodotti che possono essere acquistati direttamente da Amazon Echo - sarà più importante che mai. I prodotti che raggiungono lo status Amazon Choice in genere realizzano un incremento delle vendite di oltre tre volte. Perdere lo status Amazon Choice in genere porta a una riduzione del 30% delle vendite. Non tutte le categorie vengono acquistate tramite voce ancora. Attualmente, gli acquisti vocali tendono ad essere articoli stand-alone e di valore inferiore. Per incrementare la spesa e aumentare i prezzi, i retailer devono sviluppare “competenze” o applicazioni connesse che si integrino con le attuali offerte vocali. Attualmente ci sono solo 39 app di questo tipo nella categoria dello shopping vocale. Un'opzione potrebbe essere quella di fornire “ispirazione”, come ad esempio nuove ricette. Costruire la fiducia ha anche una correlazione diretta con le valutazioni complessive degli speakers. Solo il 39% dei consumatori ha fiducia nella selezione di prodotti “personalizzati” degli smart speakers, e solo il 44% crede che i dispositivi offrano la migliore selezione di prodotti di valore. È fondamentale assicurarsi che i prodotti siano facili da trovare, poiché il 69% dei clienti conosce il prodotto esatto che desidera acquistare. Detto questo, adattare i termini di ricerca per assicurare la distintività aumenta le possibilità che un prodotto venga “trovato”. “Il commercio vocale rappresenta il prossimo grande cambiamento nel settore del commercio retail, e proprio come l'e-commerce e il commercio mobile ne hanno cambiato il panorama, lo shopping attraverso gli smart speakers promette di fare lo stesso,” ha dichiarato John Franklin, associate partner, OC&C Strategy Consultants. “La velocità con cui i consumatori stanno adottando gli smart speakers, si tradurrà in una serie di opportunità e ancora più sfide per i retailer tradizionali e le società di prodotti di consumo.”

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog
No comments.


Nickname: Title: Add a comment Add comment