Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

Stories Brands News Join ispira.com
News

USA: secondo una recente indagine, i retailer di food and beverage vedono nell'utilizzo del mobile tech, sia lati positivi che negativi

Un nuovo recente studio condotto tra i retailer di food and beverage da parte di Oracle indica che questi ultimi vedono sia vantaggi che svantaggi nell'utilizzo della tecnologia mobile. Sul lato positivo, l'86% degli intervistati afferma che le app mobile del brand aumentano la loro velocità di servizio e di conseguenza le entrate. E il 93% crede che le proprie app rivolte ai clienti migliorino la customer experience, promuovano la fidelizzazione e accrescano il business. Inoltre:

- l'84% dei retailer intervistati ritiene che l'adozione di app rivolte al cliente riduca i costi della manodopera

- il 96% concorda, con il 40% di fortemente d'accordo, che l'espansione della gestione dell'inventario mobile porterà a risparmi di tempo e denaro

- '82% crede che le partnership con servizi di consegna di terze parti come Uber Eats e GrubHub contribuiranno a far crescere la propria attività

- il 95% crede che la customer experience e la customer loyalty continueranno a migliorare.

Tuttavia, gli intervistati hanno anche qualche dubbio su come il continuo sviluppo della tecnologia mobile influirà sul loro business. Solo il 48% dichiara di disporre degli strumenti necessari per soddisfare le esigenze mobile di domani. Il sessantadue per cento ha espresso dubbi sulla propria capacità di tenere il passo con la velocità dei cambiamenti della tecnologia mobile. Circa sei su 10 sono d'accordo sul fatto che la loro azienda si trovi di fronte alla minaccia da parte dei loro concorrenti più mobile-enabled. Oracle ha intervistato 279 retailer nel settore food and beverage che hanno utilizzato la tecnologia mobile nelle loro organizzazioni durante l'estate 2018. Il 45% degli intervistati erano ristoranti full-service, il 24% fast casual e il 23% quick service.

Per altre news www.ispira.com


Tags: #ispirablog
No comments.


Nickname: Title: Add a comment Add comment